Apofenia: cos’è e come sfruttarla nel marketing

5 Min
Davide Berardino

L'apofenia è un bias cognitivo in cui le persone vedono o interpretano pattern o significati dove in realtà non esistono. In altre parole, l'apofenia è la tendenza a percepire relazioni o significati dove in realtà non esistono. Questo può accadere a causa di una sovrastima della propria capacità di comprendere e interpretare la realtà, o a causa di una sovrastima della propria capacità di identificare pattern e relazioni nel mondo circostante.

In pubblicità, marketing e vendite, l'apofenia può influire sul modo in cui i consumatori interpretano le informazioni sui prodotti o sui servizi, e può influire sulle loro decisioni di acquisto. Ad esempio, se un consumatore vede un pattern o un significato dove in realtà non esiste, potrebbe essere più propenso a prendere decisioni di acquisto basate su questa percezione distorta, anziché su una valutazione obiettiva delle informazioni disponibili.

È importante che le aziende evitino di sfruttare l'apofenia dei consumatori presentando informazioni ingannevoli o distorte che potrebbero influire negativamente sulle loro decisioni di acquisto. Invece, le aziende dovrebbero concentrarsi sulla trasparenza e sulla fornitura di informazioni complete e corrette ai consumatori per aiutarli a prendere decisioni di acquisto informate e obiettive.

Apofenia in pratica con esempi

Ecco alcuni esempi di come l'apofenia può influire sulle decisioni di acquisto dei consumatori nel mondo del marketing e delle vendite:

  1. Pubblicità ingannevole: Se una pubblicità presenta informazioni ingannevoli o distorte, i consumatori potrebbero percepire un pattern o un significato dove in realtà non esistono, influenzando negativamente le loro decisioni di acquisto.
  2. Vendite al dettaglio: Se un negozio di vendita al dettaglio presenta prodotti in modo ingannevole, ad esempio sovrapponendo prezzi o nascondendo informazioni importanti, i consumatori potrebbero percepire un pattern o un significato dove in realtà non esistono, influenzando negativamente le loro decisioni di acquisto.
  3. Marketing basato sulla paura: Se un'azienda utilizza il marketing basato sulla paura per promuovere un prodotto, i consumatori potrebbero percepire un pattern o un significato dove in realtà non esistono, influenzando negativamente le loro decisioni di acquisto.
  4. Prodotti sponsorizzati: Se un prodotto viene sponsorizzato da un'influencer o da un personaggio famoso, i consumatori potrebbero percepire un pattern o un significato dove in realtà non esistono, influenzando positivamente le loro decisioni di acquisto.

Apofenia e social network

  1. Pubblicità ingannevole sui social network: Se un'azienda presenta pubblicità ingannevoli o distorte sui social network, i consumatori potrebbero percepire un pattern o un significato dove in realtà non esistono, influenzando negativamente le loro decisioni di acquisto.
  2. Influencer marketing: Se un'influencer sponsorizza un prodotto sui social network, i consumatori potrebbero percepire un pattern o un significato dove in realtà non esistono, influenzando positivamente le loro decisioni di acquisto.
  3. Marketing basato sulla paura sui social network: Se un'azienda utilizza il marketing basato sulla paura sui social network per promuovere un prodotto, i consumatori potrebbero percepire un pattern o un significato dove in realtà non esistono, influenzando negativamente le loro decisioni di acquisto.
  4. Recensioni e valutazioni dei clienti sui social network: Se un'azienda presenta recensioni e valutazioni positive dei clienti sui social network, i consumatori potrebbero percepire un pattern o un significato dove in realtà non esistono, influenzando positivamente le loro decisioni di acquisto.

In sintesi, questi sono alcuni esempi di come l'apofenia può influire sulle decisioni dei consumatori sui social network. Le aziende dovrebbero evitare di sfruttare l'apofenia dei consumatori sui social network presentando informazioni ingannevoli o distorte e dovrebbero invece concentrarsi sulla trasparenza e sulla fornitura di informazioni complete e corrette ai consumatori per aiutarli a prendere decisioni di acquisto informate e obiettive.

Perché si chiama così questo fenomeno?

Il termine "apofenia" deriva dal greco "apo" che significa "senza" e "phénein" che significa "mostrare". Questo termine è stato coniato per descrivere la tendenza a percepire pattern o significati dove in realtà non esistono.

Il fenomeno dell'apofenia è stato identificato per la prima volta dallo psichiatra tedesco Klaus Conrad negli anni '50, e da allora è stato oggetto di numerosi studi e ricerche. Questo fenomeno è stato associato a diverse condizioni psicologiche, tra cui la schizofrenia, ma è stato anche osservato in persone sane che hanno sovrastimato la propria capacità di comprendere e interpretare la realtà.

In sintesi, il termine "apofenia" è stato coniato per descrivere la tendenza a percepire pattern o significati dove in realtà non esistono, e deriva dalla combinazione dei termini greci "senza" e "mostrare".

Che differenza c'è tra apofenia e pareidolia?

L'apofenia e la pareidolia sono due fenomeni simili, ma con alcune importanti differenze.

La pareidolia è la tendenza a vedere forme o figure familiari dove in realtà non esistono. Ad esempio, vedere un volto in una nuvola o un pattern in una pietra. La pareidolia è un fenomeno comune e spesso innocuo, e si verifica quando il cervello cerca di dare un significato a forme o figure apparentemente casuali.

L'apofenia, d'altra parte, è la tendenza a percepire pattern o significati dove in realtà non esistono. Questo può includere la percezione di pattern in informazioni casuali o la percezione di una relazione tra eventi che in realtà non sono correlati. L'apofenia può essere associata a disturbi psicologici, ma può anche verificarsi in persone sane che sovrastimano la propria capacità di comprendere e interpretare la realtà.

In sintesi, la pareidolia è la tendenza a vedere forme o figure familiari dove in realtà non esistono, mentre l'apofenia è la tendenza a percepire pattern o significati dove in realtà non esistono. Anche se i due fenomeni possono sembrare simili, la differenza principale sta nella percezione di forme o figure familiari da una parte e di pattern o significati dall'altra.

Digital Sales Agency:

come usare i canali digitali per vendere di più

Ci hanno scelto